Mutuo sul Web

NewsApri pannello

Indice News  »  Rss

In Primo pianoApri pannello

Indice Primo Piano »

Quando per costruire casa è necessario acquistare anche l'area edificabile

Se è vero che alcune famiglie preferiscono contrarre un mutuo per acquistare casa e poi ristrutturarla secondo le proprie esigenze, è pur vero che dall'altra parte ci si orienta verso la costruzione. Per concedere questa tipologia di mutuo, la maggior parte degli istituti di credito chiede che il mutuatario sia già proprietario di un terreno edificabile. Attraverso un mutuo di un istituto di credito con noi convenzionato, che viene proposto sia a tasso fisso che variabile, il cliente ha la possibilità di finanziare l'acquisto del terreno e la costruzione della casa.

Una delle condizioni principali è che l'importo del mutuo richiesto non superi l'80% del valore del terreno e dell'immobile da costruire (come da computo metrico estimativo), a differenza del Mutuo Acquisto dove l'importo erogato arriva fino al 100%.

Affinché l'operazione di mutuo costruzione sia applicabile è necessario che l'operazione soddisfi alcuni requisiti, ovvero:

  • Iscrizione ipotecaria di primo grado;
  • Richiedente con età non superiore a 80 anni a scadenza del mutuo;
  • Durata contrattuale superiore a 18 mesi;
  • Richiesta di mutuo non eccedente l'80% del valore immobiliare valutato sulla base di un computo metrico estimativo dei lavori;
  • Per gli immobili progettati e non ancora edificati occorre presentare un piano di finanziamento che indichi i costi complessivi e i mezzi finanziari previsti a copertura degli stessi.

Durante la costruzione dell'immobile, gli importi verranno erogati a tranche di 25.000 euro e solo dopo la supervisione di un perito nominato dalla banca. In questo periodo il mutuatario pagherà solamente gli interessi sulle somme erogate. Alla data prestabilita di ultimazione lavori, e comunque non oltre i tre anni, il mutuatario inizierà a pagare le rate secondo il piano di ammortamento previsto (capitale + interesse).

Requisiti per la costruzione degli immobili:

  • Immobili uso abitativo. Le eventuali superfici ad uso commerciale non devono essere prevalenti;
  • Il mutuatario ha la possibilità di posticipare la decorrenza del piano di ammortamento inviando comunicazione alla banca almeno un mese prima e indicandone il motivo;
  • La costruzione deve essere ultimata entro tre anni;
  • Sono escluse le aree destinate ad uso agricolo;


Redditi e oggetti esclusi dal finanziamento:

  • Stabilimenti di produzione;
  • Opere pubbliche (es.: Ristoranti, hotel, ospedali, uffici, impianti sportivi, centri commerciali, ecc.)
  • Beni aziendali e strumentali;
  • Pensioni private;
  • Finanziamenti intermedi per costruttori edili;
  • Albergatori e ristoratori;
  • Fondi immobiliari;
  • Società di persone e/o persone giuridiche;
  • Dipendenti di imprese di famiglia;
  • Gestori/esercenti una generica attività commerciale;
  • Lavoratori autonomi (solo sud Italia);
  • Contratti di lavoro a termine (solo sud Italia);
  • Lavoratori atipici (solo sud Italia)


A chi è rivolto il mutuo?

La tipologia di mutuo è caratterizzata da un fondo chiamato "Risparmio edilizio". Il Risparmio Edilizio consente al mutuatario sia di contrarre immediatamente il mutuo e quindi iniziare a costruirsi casa, sia di posticiparne la decorrenza in previsione di una futura costruzione; in questo caso potremo paragonare il fondo ad un piano di risparmio che verrà preso in considerazione alla sottoscrizione dell'atto di mutuo. In entrambi i casi avremo sempre come risultato finale un risparmio sui tassi applicati.


Il prodotto potrà essere quindi indirizzato a:

  • Chi prevede di costruire la propria abitazione in un prossimo futuro e non ha disponibilità economica per acquistare anche il lotto di terra edificabile;
  • Chi vuole costruire casa in tempi rapidi e non ha disponibilità economica per acquistare anche il lotto di terra edificabile;

In tutti i casi occorre che il cliente abbia già un capitale accantonato per far fronte alle spese iniziali visto che l'importo finanziato non potrà essere superiore all'80% del valore immobiliare.